Wildcats scintillanti a Piacenza, Urania regola l’Assigeco, 73-88

Gennaio 22, 2023

Splendida impresa di Urania che vince con autorità a Piacenza, 73-88. Gara dominata dai Wildcats sempre avanti per tutto il match, prova collettiva di spessore della truppa di coach Villa trascinata dai botti e dalla creatività di Montano (19 punti), oltre dalla prestazione tutta sostanza di Potts (18 con 10 rimbalzi e 6 assist). Clamorosa gara anche di capitan Piunti (15 punti) presente in ogni strappo degli ospiti, prezioso il lavoro sotto traccia di Hill, Ebeling e Pullazi. Non basta all’Assigeco il solito McGusty, 30 alla sirena.

LA GARA
Avvio equilibrato con tante conclusioni rapide da entrambe le parti, tanti errori e qualche palla persa con Milano che avanti dopo lo squillo di Amato, 1-3. Querci e McGusty rilanciano le azioni dei padroni di casa, Pullazi risponde con un canestro da rimbalzo d’attacco e con l’assist che premia Ebeling, 6-8. Piacenza prova ad alzare la voce in area colorata con Skeens, Urania continua a far male dal perimetro, 8-11 dopo il botto di Potts arriva quello di Montano dall’angolo, 8-14. Lievita sino a più 9 il margine rossoblu dopo un altro siluro di Potts, Wildcats al comando alla fine del primo quarto, 14-21. Volano sino a più 16 i Wildcats che mostrano una produzione offensiva da urlo, imprendibili gli esterni Amato e Montano, grande lavoro anche di Pullazi e capitan Piunti in area colorata, 19-35. L’Assigeco reagisce trascinata da McGusty e Skeens, gli emiliani in un lampo sono di nuovo a meno 9 dopo la bomba di Miaschi, 28-37. Con pazienza Milano torna ad attaccare con grande efficacia, positivo anche il contributo di Ebeling in difesa, Urania avanti a metà gara 28-42. Dopo la pausa lunga più aggressiva la squadra di coach Salieri, il solito McGusty (graziato da un evidente fallo in attacco) per il meno 7, 41-48. Prosegue la rimonta degli emiliani con McGusty che prosegue il suo show personale, è una gara da un solo possesso dopo il canestro di Cesana, 49-52. Lottano i Wildcats con rabbia, nonostante i mancati fischi arbitrali, Montano e Piunti di puro orgoglio tengono avanti gli ospiti alla penultima sirena, 56-63 dopo due zampate del capitano. Clima da battaglia che sale di colpi in apertura di ultimo quarto, Ebeling si immola su McGusty, una bomba di Potts per il nuovo più 10, 61-71. Altra fiammata dei padroni di casa che si infuriano per un possibile fallo su McGusty, ancora Montano ed Hill con un tap-in preziosissimo spengono il PalaBanca di Piacenza, 71-82. Con autorità Milano gestisce il finale, dalla linea della carità Montano e Potts per i titoli di coda, 73-87.

ASSIGECO PIACENZA: McGusty 30, Skeens e Cesana 12

URANIA MILANO: Montano 19, Potts 18, Piunti 15

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp