Urania stavolta l’orgoglio non basta, Piacenza piega i Wildcats, 80-72

Ottobre 24, 2021

Non riesce la gran rimonta ad Urania che affonda sino a meno 20 a Piacenza, prima di rientrare con un finale tutto cuore, 80-72. Dopo un buon inizio i Wildcats soffrono la versatilità di Guariglia e la difesa ruvida dei padroni di casa che controllano il match sino al quarto periodo. Rabbioso recupero di Bossi e compagni che sigillano l’area e tornano a contatto con un Thomas tutta sostanza (17 con 12 rimbalzi) e Cipolla. Nel finale si arriva ad un passo dall’impresa ma sono l’esperienza di Pascolo ed un guizzo dell’ex Sabatini a dare la vittoria all’Assigeco.

LA GARA
Ritmi alti in avvio e tante conclusioni perimetrali, Bossi e Cipolla subito a referto, 9-6 dopo un siluro di Devoe. Si iscrive al match anche Thomas, incursione a centro area, Piacenza continua a cercare il tiro nei primi secondi dell’azione, 13-13 dopo una schiacciata di Walley. Guariglia fa male alla difesa Wildcats sia dentro l’area che dal perimetro, non molla Milano con Bossi ancora in evidenza, 22-20 dopo un numero di classe cristallina di Montano. Spettacolo Urania che prosegue, il finale di quarto se lo prende Thomas che inchioda la schiacciata del 24-22 alla prima sirena. Riparte l’Assigeco che trova punti sempre dal solito Guariglia ma anche da Galmarini che firma il primo mini strappo degli emiliani, 29-22. Scivola sino a meno 13 la truppa di coach Davide Villa che subisce il gioco fisico dei padroni di casa, due botti di fila di Gajic, 43-30 dopo la tripla dall’angolo di Querci. Faticano contro il muro piacentino i milanesi, Assigeco in controllo alla pausa lunga, 45-33. Non cambia lo spartito dopo la pausa lunga, Guariglia e Cesana estendono a 20 il margine degli uomini di coach Salieri, 55-35 firmato dall’ex Sabatini. Continuano i problemi offensivi di Urania che soffre l’aggressività di Cesana e compagni, una fiammata di Thomas prova a scuotere i Wildcats, 57-40. Piacenza cerca ancora la spallata decisiva con Pascolo a controllare l’area colorata, un lampo di Piunti e Montano e due liberi di Cipolla lasciano a 17 il gap tra le due squadre, 67-50. Non mancano energie ma forse un pizzico di lucidità ai milanesi per provare a rientrare, da un errore arbitrale nasce la tripla dall’angolo di Galmarini, 70-52. E’ un Urania sicuramente più determinata quella dell’ultima frazione, difendono all’arma bianca Piunti e compagni che tornano sotto la doppia cifra di svantaggio, Thomas pescato da Gravaghi firma il meno 9, 72-63. Cipolla esalta i tifosi Wildcats presenti con il botto del meno 6, Gravaghi mette sul ferro il tiro che può mettere paura a Piacenza. Sono Pascolo e Sabatini a frenare la gran rimonta ospite, Bossi è l’ultimo ad arrendersi in un finale in cui Milano accarezza solo l’impresa 80-72.

ASSIGECO PIACENZA: Guariglia 22, Pascolo 13, Devoe 9

URANIA MILANO: Bossi 18, Thomas 17, Montano 12

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp